Un dono prezioso per la Biblioteca “A. De Leo”: un libro sull’amicizia di due popoli basata sulla conoscenza

Un dono prezioso per la Biblioteca “A. De Leo”: un libro sull’amicizia di due popoli basata sulla conoscenza

22 Lug 2021

Gli italiani in Santo Domingo

L’eredità italiana nella Repubblica Dominicana. Storia, Architettura, Economia e Società, a cura di Andrea Canepari, 536 pp., 336 illustrazioni, Allemandi, Torino 2021. Edizioni in lingua italiana e in lingua spagnola.

“Nella storia della Repubblica Dominicana la presenza italiana ha radici antiche e ramificate. Sin dalla «scoperta» dell’isola, con lo sbarco di Cristoforo Colombo nella prima colonia spagnola del Nuovo Mondo, personalità e famiglie italiane, o di origine italiana, hanno svolto un ruolo di spicco nella costruzione stessa dell’identità nazionale, permeando con il loro operato ogni aspetto della vita sociale, culturale, artistica, politica, religiosa ed economica del Paese. Dal primo Vescovo residente delle Americhe, l’umbro Alessandro Geraldini, giunto a Santo Domingo nel 1519, dove promosse la costruzione della Cattedrale, all’ingegnere militare Giovanni Battista Antonelli, artefice delle fortificazioni della città; dai marinai e armatori genovesi Giovanni Battista Cambiaso (futuro primo ammiraglio della Repubblica Dominicana, fondatore della sua Marina Militare ed eroe nazionale) e Giovanni Battista Maggiolo, protagonisti a fianco dei dominicani delle lotte d’indipendenza nel XIX secolo, ai Presidenti della Repubblica Francisco Gregorio Billini e Juan Bautista Vicini Burgos, discendenti di italiani; da Guido D’Alessandro Lombardi, progettista del Palazzo presidenziale, al versatile scienziato marchigiano Raffaele Ciferri, direttore di una pionieristica Stazione agronomica e autore della prima Carta geobotanica dell’isola; dalla dinastia di imprenditori Pellerano, il cui capostipite fondò nel 1899 il diffusissimo quotidiano «Listín Diario», ai Vicini, Rainieri e Marranzini, famiglie depositarie di imperi economici in svariati campi, dall’editoria alle telecomunicazioni al turismo all’industria alimentare. Anche il cinema deve molto all’Italia, non solo per le molte produzioni che hanno scelto di ambientare nel Paese caraibico le proprie storie, ma perché fu proprio un italiano, Francesco Grecco, a far conoscere nel 1900 ai dominicani l’invenzione dei fratelli Lumière. Eppure, come ricordava Marcio Veloz Maggiolo (1936-2021), il grande intellettuale dominicano, lui stesso con ascendenze liguri, scomparso proprio pochi giorni prima che questo lavoro andasse in stampa, mancava finora una ricerca di ampio respiro sulla presenza italiana nella vita dominicana. È quanto si propone il presente volume, a cura dell’Ambasciatore d’Italia nella Repubblica Dominicana Andrea Canepari, che riunisce i contributi di 45 studiosi dominicani e italiani, spaziando dalla ricostruzione dei flussi migratori italiani a Santo Domingo, sulla base di approfondite ricerche d’archivio, alla storia delle relazioni diplomatiche fra i due Paesi, gettando luce anche su episodi e personalità poco note al lettore italiano; dall’influsso di musicisti, artisti, letterati e giuristi italiani sulla cultura dominicana, alla formazione di architetti, designer e restauratori dominicani negli atenei italiani, dall’apporto dell’industria italiana all’economia dell’isola alle prospettive per il futuro, in uno scambio di idee, saperi, competenze e risorse che prosegue da oltre cinque secoli”. Il quotidiano Diario Libre ha anche pubblicato i fumetti delle storie più significative dell’amicizia tra i due paesi tratte dal libro.

 

Potrebbero interessarti anche

Biblioteca De Leo

IN-CONTRO

  • 16 Mag 2022

La LUNGA NOTTE DELLE CHIESE è arrivata alla sua settima edizione. Il tema scelto per quest’anno è “IN-CONTRO”, due parole […]

Continua
Biblioteca De Leo

Lettres d’Amour

  • 16 Mag 2022

Le più antiche lettere di cui si conosca l’esistenza sono alcuni esemplari greci, scritti a graffio su lamine di piombo […]

Continua
Biblioteca De Leo

“La fabbrica del consenso”

  • 06 Apr 2022

E’ quanto mai attuale in questi giorni la definizione coniata dallo storico Philip V. Cannistraro la fabbrica del consenso” per […]

Continua
Biblioteca De Leo

Le Giornate della Memoria

  • 17 Gen 2022

“Le Giornate della Memoria” per commemorare le vittime dell’Olocausto per noi sono tutti i giorni, tutte le ore, tutti i […]

Continua

Copyright © 2021 - Fondazione Biblioteca Pubblica Arcivescovile Annibale De Leo - C.F. 80006850749 | Privacy Policy | Cookie Policy Powered by LnW Digital Strategies