Provenzano Giuseppe (1918)

Provenzano Giuseppe (1918)

02 Giu 2023

Provenzano Giuseppe nato nel 1918, si arruolò da Tenente nell’esercito nel 1941. Nel gennaio del 1944 fu catturato dai Tedeschi e deportato nel campo di concentramento di Wietzendorf, dove rimase, da prigioniero, fino all’aprile del ‘45. Durissime le memorie che lasciò circa quei terribili mesi: raccontava di fatti
barbari e inumani commessi dai tedeschi. La camicetta della moglie del comandante del campo rivestita di pelle umana, avvelenamenti con il gas in massa di centinaia di ebrei i cui cadaveri andavano a finire nei forni crematori e le ceneri usate come battistrada, molti ebrei gettati nei forni ancora vivi. “Siamo Liberi! – scrisse a lui, agli ufficiali, ai sottufficiali e ai soldati italiani il Tenente Colonnello Pietro Testa – Le sofferenze di diciannove mesi di un internato peggiore di mille prigionie, sono finite. Abbiamo resistito nel nome del Re e della nostra Patria”. Ma la delusione non tardò ad arrivare: il campo non fu veramente liberato e rimase ancora in mano ai tedeschi, e quando fu poi sgombrato, lui passò nelle mani dei soldati inglesi che lo trattennero ancora, da internato, fino al 1946. Fece ritorno a Brindisi nell’agosto del 1946, scriveva nelle sue memorie che “credeva di dover provare chissà quale emozione, ma non riuscì a sentire nulla che non fosse tristezza per quanto aveva visto e capito. Nonostante fosse uno strumento di morte e di tortura, il filo spinato per lui era stato un valido alleato nel combattere il freddo e la fame. I suoi nodi erano diventati pesetti utili come unità di misura per pesare il cibo da barattare con gli altri prigionieri. E ci si scambiava di tutto, in quei mesi, anche carne di topo arrostita e sigarette fatte con la pelle delle patate lesse e dell’erba presa da chissà dove. Ma non solo per pesare era stato utile il filo spinato: sciolti i suoi nodi, era diventato per Giuseppe un ottimo ferro da lana con cui scucire calzettoni e filare rudimentali guanti utili a coprire le mani gelate. Le ciotole di alluminio piene d’acqua poi erano perfette, se messe sotto i piedi delle brandine nel campo, per evitare che le cimici salissero sul letto durante la notte a disturbare il suo sonno e quello dei suoi compagni di prigionia.

Potrebbero interessarti anche

Biblioteca De Leo

I consigli della Psicoterapeuta – #63

  • 24 Giu 2024

a cura di Lucia Destino Titolo: Nova Autore: Fabio Baca Genere: Narrativa Editore: Adelphi Anno: 2021 Riconoscimenti: Candidato al Premio […]

Continua
Biblioteca De Leo

I consigli della Psicoterapeuta – #62

  • 10 Giu 2024

Titolo: La matematica è politica Autrice: Chiara Valerio Genere: Saggio Editore: Einaudi Anno: 2020 “La matematica è stata il mio […]

Continua
Biblioteca De Leo

Gli eventi straordinari de l’Angioletto

  • 04 Giu 2024

All’interno degli eventi organizzati per la Regata Brindisi Corfù 4-9 giugno 2024 il 5 giugno trova posto la presentazione del […]

Continua
Biblioteca De Leo

Archivissima 2024 #passioni

  • 04 Giu 2024

Un gesto antico, ma oggi all’avanguardia, lo “scrivere a mano”. Una passione che libera la creatività, ma spinge a riflettere […]

Continua

Copyright © 2023 - Fondazione Biblioteca Pubblica Arcivescovile Annibale De Leo - C.F. 80006850749 Privacy Policy | Cookie Policy | Aggiorna preferenze Cookies | Powered by LnW Digital Strategies