1187

VI. a. 1187, 12 febbraio, indiz. V, anno XXII del regno di Guglielmo, re di Sicilia.
Contratto tra Nardo, figlio di Arsone Galioti di Brindisi e Giovanni de Onacio, figlio di Lopa, commorante in Brindisi per la vendita di un terreno nel suburbio di Brindisi, in luogo S. Bartolomeo, confinante con le case di Basilio e Lorenzo, con la via pubblica e con altre terre del venditore Nardo.
Notaio: Guglielmo di Brindisi; giudice regio: Giovanni miles. Firmano; Bullarina, moglie di Nardo, Alfarana e Gaita figlie e (in caratteri greci) Pardo, diacono.
Bibl. De Leo, Codice diplomatico brindisino, cit., p. 34, doc. n. 22

Richiedi informazioni

    Copyright © 2021 - Fondazione Biblioteca Pubblica Arcivescovile Annibale De Leo - C.F. 80006850749 | Privacy Policy | Cookie Policy Powered by LnW Digital Strategies