1543

a. 1543, 21 maggio, indiz. I, anno XXVII del regno di Sicilia di Carlo V imperatore, Giovanna madre e Carlo suo figlio.
Atto di concordia tra il capitolo metropolitano di Brindisi, rappresentato dal vicario arcivescovile Tommaso Castromediano e dignità, e il chierico Donato Zurlo cacciato dal capitolo e quindi per intercessione e preghiere del Diego Veles de Mendoza, capitano spagnolo commorante per custodia di Brindisi, riammesso con la privazione di molti diritti.
Notaio: Giovanni Battista de Stratis; giudice: Nicola Monticello.

Richiedi informazioni

    Copyright © 2021 - Fondazione Biblioteca Pubblica Arcivescovile Annibale De Leo - C.F. 80006850749 | Privacy Policy | Cookie Policy Powered by LnW Digital Strategies